Dardagny (GE)



Menu lingue

Dardagny – Escursioni nel Cantone di Ginevra Grandi vigneti e romantici boschi ripariali

Il fiume Allondon scorre in un paesaggio golenale di importanza nazionale. Durante la piacevole passeggiata che dal centro per la protezione ambientale Les Granges porta a La Plaine passando per Dardagny, si attraversano aree fluviali ricche di specie, gole di ruscelli romantiche e selvagge e magnifici vigneti.

Attrazioni

  • Boschi golenali radi caratterizzano l’habitat del centro per la protezione ambientale Les Granges. È possibile scoprire la diversità di questa zona con visite guidate o in autonomia.
  • Il fiume Roulave attraversa una gravina boscosa incontaminata. Un grazioso sentiero segue il torrente in leggera salita. Il tragitto è segnalato come sentiero tematico: pannelli informativi forniscono informazioni utili sugli aspetti ecologici di quest’area. Due piccole grotte dislocate sul percorso invitano i bambini al gioco e alla scoperta.
  • Lunghe file di vigneti costeggiano le strade e i sentieri attorno a Dardagny, il paese dei viticoltori. Passeggiando tra i vigneti si gode di una bellissima vista sul Salève, la cui cima si trova in Francia ma che è comunque considerata la montagna locale di Ginevra.

Escursione «Dardagny» (PDF)

Escursione «Dardagny» (GPX)

Orario dei trasporti pubblici in Svizzera

Audiolibri «Dardagny (GE) – Il superpotere di Emma la marmotta» (MP3)

Concorso:
Mostraci come preferisci rilassarti! Forse dedicandoti al wellness nel fiume Roulave? Meditando nella grotta? Oppure lasciandoti pigramente scaldare dal sole come gli asinelli?
Fai una foto e mandacela per e-mail: escursionismo@posta.ch.

Puoi anche mandarla tramite Postcard Creator App:
Posta CH SA, Comunicazione, Escursionismo, Wankdorfallee 4, 3030 Berna

«Una passeggiata attraverso le golene tra Les Granges e La Plaine, passando per Dardagny, è davvero bella e rilassante. Scopro sempre qualcosa di nuovo quando mi sposto tra le aree fluviali ricche di specie e attraverso gole di ruscelli romantiche e selvagge» dice Marmotta Emma.